giovedì 29 novembre 2007

Big Brother Cnn non incastra Ron Paul

L'atteso dibattito Cnn/Youtube si è svolto nella traccia della spettacolarità e della banalizzazione.
C'era da aspettarselo, così vogliono forgiare il nostro approccio: il grande fratello di Orwell infine converge col grande fratello di Endemol.

Parimenti atteso, anche se qualche speranza in più ce la eravamo fatta, il trattamento di serie C per Ron Paul. Tempi dedicati rigorosamente a scendere: Romney, Giuliani, Mc Cain, Thompson, Huckabee, Paul e gli altri due poveretti a distanza. Dibattito pilotato in modo da incentrare il duello tra Giuliani e Romney, gli altri in una sorta di sotto-gironi. Regia chirurgica nel muovere le telecamere contro Ron Paul, che ha preso la parola solo dopo mezz'ora. Fuori dell'auditorium (il dibattito si è tenuto in Florida) migliaia di paulisti, “per terra, cielo e mare” riferisce il New York Times online, hanno assediato la cittadina di Saint Petersburg. Volavano due aerei col nome di Ron, uno dei quali faceva lo spelling luminoso “Ron paul for President”. Un battello circolava nella baia parato a festa con i simboli della rEVOLution, diffondendo musica e messaggi. Migliaia di “giovanissimi” (sempre NY Times) intonavano cori appena oltre il cordone di polizia davanti al teatro. Pochi in America hanno visto, e chi oltre noi in Italia racconterà di questo pacifico assalto sulla via della Casa Bianca?

Ron Paul ha ribadito i suoi temi di sempre, e si è difeso bene nonostante le domande scorrette.
Infatti gli è stato chiesto per ben due volte se aveva intenzione di correre da solo per un terzo partito (domanda che dà per scontata una sconfitta e possibile un fatto già più volte smentito).

Anderson Cooper, giornalista-manichino, con Giuliani ha chiuso in bellezza scherzando di baseball, mentre con Paul è tornato ad insistere: “tutti e due sappiamo che il suo partito non le dara` mai la nomination. Spero comunque che lei abbia quel tanto di follia e grazie alla sua popolarita` si lanci verso la Casa Bianca da indipendente ... Signor Paul, deluderà gli Stati Uniti non giocando la carta dell'indipendente?” Paul ormai scafato: “sono un repubblicano. Ho vinto 10 volte come repubblicano e stiamo andando bene anche adesso. Ci siamo trovati in cinquemila di fronte all'Independence Hall [luogo della Dichiarazione d'indipendenza a Filadelfia] con neri, latino-americani ed altri, una vera e propria illustrazione della diversita` di questo paese. Sai che abbiamo raccolto 4.3 milioni di dollari in un giorno solo ... (APPLAUSO) ... senza spendere un solo centesimo? Non abbiamo neanche dovuto pagare una persona per farlo, non c'erano fund-raiser professionisti. ... Per il momento non sappiamo neanche come fare a spendere tutti questi soldi!.. La gente ne ha le scatole piene di come viene trattata .Questo paese e` in piena rivoluzione. Ed io ho la fortuna di farne parte.”

A guardare quel che facevano i paulisti fuori, non osiamo pensare se fossero stati in sala a quelle parole: sarebbe esploso il tetto dalle urla, fischi, applausi. Avrebbero ballato fine a notte fonda!

Il tentativo di far cadere Paul in qualche gaffe unpolitically correct, arriva sui temi della “cospirazione”. Lo spettatore, ingenuo ed istruito al tempo, gli ha chiesto se anche lui crede, come molti suoi supporter, nelle teorie cospirative, in particolare sul controllo del CFR sulla politica americana, o se solamente “gliele mettono in bocca”. Attraverso la “semplice” domanda di uno “youtuber” del Texas, si è avuta la massima pressione, il massimo avvertimento del Potere a Ron Paul. Ma il nostro, con grande classe, sangue freddo e raziocinio, ha dato la risposta più neutra che si poteva dare per non essere stritolato, e nel contempo ha colto l'occasione per puntualizzare: “non ci sono cospirazioni, ma c'è una lotta tra due ideologie, una globalista, e una per la sovranità nazionale. Anche il WTO vuole controllare la nostra industria. La nostra sovranità nazionale è minacciata.” Questa in sintesi, la fattuale e lineare risposta di Paul. Chi vuol intendere intenda, aggiungiamo noi. Il video è di un minuto e 50. Per chi non fosse un fulmine d'inglese, come me, su youtube a sinistra c'è il testo.


When an idea unites and stirs the soul ...

Versione adattata per gli amici americani di Dailypaul, dall'articolo originale di Francesco.



A little contribution from Italians4RonPaul…



“When an idea unites and stirs the soul…”





Incredible.

It’s the only Word that comes to my mind seeing the zeal showcased and sacrifices made to advance the cause of a man that has the capacity to open hearts and minds, who unites in spirit and deeds such a diverse crowd. It is composed of men and women with the patience, the desire and the talent to tango with a philosophy containing ideas which, at first impact, might seem to come from outer space.

I am not referring to the life and the ideas followed by millions upon millions (…yet) such as Moses, Jesus, Mohammed, of a Gandhi, King or others. I am speaking of Ron Paul.

My approach may evoke some laughter and yes, there are people who, as soon as they hear the name of Ron Paul, pick up their (electronic) ammunition and fire around them as crazily as Rambo would, as this happens both online as well as offline. It is done by famous journalists and microscopic bloggers such as ourselves. Every tiny bit of info that is the least disturbing is relentlessly searched, found and often blown out of any proportion. Especially here, on DailyPaul, in one of our favorite doctor’s holy temples, I need not to name any particular incidents, because you will name a hundred more. All the more reason to, in line with the overall spirit of this blog, try to describe, through the story of some people, why I put Ron in a positive light. And, as you all know, the examples are numerous.

Let me start with some numbers which here, at DailyPaul, should be made part of the entry exam! It is the end of November now and, after a few months, a whopping 75.000 people (and growing) have subscribed to MeetUp in some 1200 groups, mostly in the US, as well as around the globe. Just looking at the adherence map on the MeetUp website makes you shiver in amazement.

Paul's friends in New York.

These people meet once or more a week to discuss life and politics, many of them are political newbies. Then there is action: organizing fundraising activities, meetings, rallies, and, above all, wonderful pockets of brilliant political action (banner waving at intersections, music for Ron in the street, door-to-door visits to present Ron’s campaign, free self-made merchandising distribution etc.). These are effective tools since even if the approached people are startled at first, one can see the enthusiasm and curiosity written all over their faces once they are told what Ron is all about. There seems to be life after a period of political apathy and disdain towards politicians in general. THIS is the New Hope, as one of the most touching self-made videos of Ron yet has titled it. No doubt everybody reading this has seen it… if not, go to YouTube NOW. I will patiently await your return.
To all of these people: THANKS

Carol Paul with a young friend. Family in Chicago.


For all those who invested hours and hours of their time and talent into creating all kinds of tools to promote Ron, such as audio, video, written work, merchandising, gigantic banners next to interstates, as well as things we can find on YouTube, DailyPaul, Facebook, TheCaseForRonPaul, MySpace, RonPaulGraphs and innumerable others… THANKS.


Countless activities have sprouted from the brains of individuals, and one of the first which we linked to our blog is a real nutty and precious one. I am referring to the three courageous grannies from the US and A who decided to be “born-again” as “Granny Warriors”. They bought an RV, painted a huge flag on it, covered it in RP Revolution graphs and decals and are, as we speak, busy cruising the country. They meet paulestinians and any and all citizens willing to hear them out on why they adore the good old doctor, be it at Ron Paul rallies or NASCAR races. Blessed with an above average dose of courage, good health and superhuman stamina they impress people all over the place with their passion for Ron and their charming manners. THANK YOU, and a DEEP and RESPECTFUL BOW of ADMIRATION and RESPECT.





Finally, there are three people in particular I would like to thank, the Three Musketeers shall we say.
First off, Michael Nystrom, a.k.a. Athos, a man whom I dedicated a paragraph in the Italian version of this article, but who needs no introduction here. A simple thank you for your time and energy invested in creating and maintaining a wonderful temple for civilized discussion on life, politics and Ron Paul. THANK YOU ENORMOUSLY.


Michael Nystrom and Ron Paul.

Next up, Trevor Lyman, a.k.a. Aramis. He created the “Remember, remember, the 5th of November” money bomb idea which turned into the single biggest one-day fundraising effort of any candidate in this campaign and virtually propelled Lyman to the status of unofficial donations manager for the Paul campaign. Lyman prepared two other bombs which are on the way and ready to burst peacefully, namely the “Rudy’sReadingList”, in store for November 30th, and the “TeaParty07”, for December 16th. I hold my breath for what’s coming... Finally, there is the RonPaulBlimp idea, which seems to have originated from him too, which has collected, in pledges at least, enough money to fly a blimp, or airship, for one month at least in support of Ron. THANK YOU FOR YOUR STROKES OF GENIUS.

Dulcis in fundo, I would like to extend praise to another person, Lawrence Lepard, a.k.a. Porthos, who disbursed 85 000 of his hard-earned US dollars to pay for a one page RP ad on the USA Today of 21 November, the most widely circulated US daily. AN EMOTIONAL THANK YOU.
Why emotional? Simply because, as I scrolled through the text and glazed at the classic B/W layout I was overcome by emotions, as happened to me earlier on a few occasions whilst listening and watching Ron Paul speak in certain speeches and YouTube mash-ups.

When I look at and listen to Ron, my heart pounds fiercely in my chest, and his genuine smile and tender voice give me the feeling that all will be fine, and that in front of me I have a person I can count on, “for better for worse, for richer for poorer, in sickness and health” (sorry Carol, I know you have the monopoly on this phrase… but just for literary sake!). Also, as a politician, a person who might be able to cure the sickness that has creeped into a portion of domestic and foreign policies, both in the US and beyond. I was not sure if my tears of happiness made me some sort of a (political) outcast, until I recently found a thread here on DailyPaul solely dedicated to this topic. You cannot imagine my relief in finding that all kinds of servicemen and women with years of combat experience confessed tender little tears of joy, non-desperate housewives, grannies and grandpas of Ron’s age alike, and 23-year-old guys like myself who haven’t seen, excuse my French, shit in their lives. We all feel something is about to happen, we do not know what, we just wish it to be a little touch of heaven on earth, and we know that Ron Paul is the man with the plan, as well that he needs ALL of our efforts, no matter how tiny we might think they are, to make it work.

Voila`, Ron’s little mystery. Who else, among the many current political leaders, who else, in the current disenchantment with politics, has the charisma not to evoke fanaticism, but tears of joy in persons from all over the worlds and with an infinite variety of backgrounds?


Written by Francesco



Originally published on = DailyPaul


Authors: Francesco and Andrea
Webmaster: Matteo

P.S. The authors and webmaster of the blog are 3 italians who are uncurable Ron Paul freaks who love politics and life in general and would love to see a US under a brilliant President who has the audacity, the vision, the consistency, and the humility of a Ron Paul. We promote Ron at every occasion we have to people of all nationalities and walks of life and notice that, after angry and confused reactions at first, people often open up and truly, madly, deeply (as the song goes…) open up. I am sure US Paul supporters experience something similar.

Viva Ron Paul! If you are Italian, know Italian and/or have Italian friends please visit our blog as well and drop us a line, we would be extremely thankful. Please find the Italian version of the article with pictures on our blog.

mercoledì 28 novembre 2007

Profezie oltre Annapolis


Riportiamo un passo del giudizio dell'intellettuale ebreo Uri Avnery, scritto in vista della conferenza di Annapolis. Il testo integrale è su Comedonchisciotte.
Sotto, due passaggi di Ron Paul al Congresso.

Il "genio" di Paul è esemplificato nei due brani dalla logica lineare, non ideologica, prudente ma non ipocrita, con cui obietta al governo americano la "mortale presunzione", dice, di essere un mediatore di pace. Allo stesso modo qualche mese prima nel 2006, con sobrio coraggio della verità, in un Congresso che approverà quasi all'unanimità la risoluzione che avvalla la distruzione del Libano da parte di Israele l'anno scorso, lui si oppone.


Uri Avnery, giornalista israeliano.
(…) Per molti, il muro non è solo separazione tra Israele e la Palestina. E’ una parte del muro mondiale tra l’Occidente e l’Islam, la linea del fronte dello scontro di civiltà. Al di là del muro, non ci sono uomini, donne, bambini, né una popolazione palestinese conquistata e oppressa, né città e villaggi strangolati come Abou-Dis, a-Ram, Bilin e Qalqilya. No, dietro il muro ci sono un miliardo di terroristi, moltitudini di musulmani assetati di sangue, che non hanno che un desiderio nella vita: buttarci a mare, semplicemente perché siamo ebrei e facciamo parte della civiltà giudaico-cristiana. Con una posizione ufficiale come questa, a chi parlare? Parlare di cosa? A che scopo riunirsi ad Annapolis o altrove? E cosa ci resta da fare – piangere o ridere?


Dall'intervento di Ron Paul al Congresso, 23 gennaio 2007

Il nostro intervento in Medio Oriente ha solo intensificato guerre e dispute. Il denaro delle tasse americane ha militarizzato l'intera regione. Noi diamo ad Israele circa tre miliardi ogni anno, ma diamo anche due milioni all'Egitto. La maggior parte dei paesi del Medio Oriente prende soldi, e una parte di questi finisce anche nelle mani dei terroristi palestinesi. Entrambi i contendenti hanno molte più armi di quel che risulta ufficialmente. Qui si vuole aggiungere benzina sul fuoco! Il nostro folle e incostituzionale aiuto verso l'estero ha prodotto più violenza, non meno!
Il Congresso e un governo dopo l'altro promettono il loro aiuto politico, finanziario e militare ad Israele. Eppure, benchè ci definiamo forti alleati del popolo israeliano, noi mandiamo miliardi di dollari ad alcuni stati musulmani che Israele considera nemici.
Secondo il punto di vista di Israele, alcune delle stesse nazioni che noi finanziamo con le nostre tasse, vogliono distruggere lo stato ebraico.
Molti israeliani ed ebrei americani vedono l'America come un ipocrita scommettitore.
E' perfettamente chiaro il nostro problema degli aiuti verso l'estero: ogni volta che diamo soldi a qualche nazione, dobbiamo appggiare anche gli altri o rischiare di farci dei nemici. Ciò è particolarmente vero in Medio Oriente e in altre aree lacerate da conflitti, dove il nostro appoggio finanziario per una parte è visto dall'altra come un atto di aggressione. Così i nostri soldi non rendono sicuro Israele, e nemmeno ci comprano nessun vero amico in quell'area. Al contrario, milioni di musulmani odiano gli Stati Uniti.
E' tempo di sfidare la nozione secondo cui è compito degli Stati Uniti essere mediatori di pace in Medio Oriente, come in ogni altra area turbolenta del pianeta. L'America deve e può usare ogni mezzo diplomatico a sua disposizione per far cessare la violenza in Cisgiordania, ma dobbiamo cancellare ogni ulteriore coinvolgimento. Terze parti estranee non possono imporre soluzioni politiche in Palestina nè altrove. Solo la libera autodeterminazione delle nazioni può realizzare la pace. I piani di pace imposti dagli estranei o dall'Onu causano risentimento e raramente producono una pace duratura.
La semplice verità è che non possiamo risolvere ogni conflitto umano, e che ci sarà sempre violenza da qualche parte sulla terra.
Una mortale presunzione finge di credere che l'America può imporre soluzioni geopolitiche ovunque essa voglia.


Intervento di Ron Paul il 21 Luglio 2006 al Congresso sulla risoluzione di appoggio ad Israele contro il Libano.

Io mi levo in opposizione a questa risoluzione, che credo sinceramente dannosa.
Io sono d'accordo con la condanna della violenza in essa contenuta. (…) Appare, leggendo oggettivamente il documento, che tutti i terroristi sono da una parte, e che tutte le vittime e gli innocenti sono dall'altra. Io trovo questo ingiusto, in particolare se guardiamo il numero significativamente alto di di vittime civili tra i libanesi. Io vorrei la neutralità, piuttosto che scegliere una parte, come fa questa risoluzione.
(…) E' molto facile criticare il governo del Libano per non aver fatto di più con Hezbollah. Io contesto il terrorismo proveniente da Hezbollah, perchè sono un fermo oppositore della violenza da qualsiasi parte provenga. Ma anche contesto le irragionevoli accuse al governo del Libano di non aver fatto abbastanza, quando ci rendiamo conto che Israele ha occupato il Sud del Libano per 18 anni e non è stato capace di neutralizzare Hezbollah.

martedì 27 novembre 2007

Linkin Park 's Ron Paul spot


Domaani notte si svolgerà un dibattito tra i candidati repubblicani molto atteso.
Infatti è dai primi di ottobre che non c'è una tribuna politica generale.
In mezzo ci sono stati parecchi successi per Ron Paul: nella raccolta fondi, nei sondaggi, e di conseguenza verrà trattato da candidato di prima serie. Interessante serata sotto il profilo della comunicazione: si crea la convergenza della rete tv CNN con YouTube su internet. Il pubblico in America e in tutto il mondo potrà seguire in diretta l'evento su uno dei due media. Molti supporter hanno preparato su Youtube le loro video-domande ai politici e alcune verranno mandate in onda.
In previsione dell'evento, lo staff di Ron Paul ha indetto un “concorso” rivolto alle migliaia di youtubers paulisti: realizzate voi lo uno spot di 30 secondi, il prescelto verra mandato in onda nel dibattito. Il prodotto deve essere inedito, anche le musiche devono essere originali.
E' una tappa significativa nella storia della comunicazione politica, rivoluzionata dalla campagna per Ron. L'organizzazione ufficiale “si sposa” con il movimento spontaneo, che in questi mesi ci ha tenuto incollati a Youtube con i suoi video: adrenalinici, classici e retorici, rapper e rocker, o semplici commoventi testimonianze dell'entusiasmo dei grassroots.
Sarà interessante, insieme all'esito del dibattito, vedere lo spot “vincitore”.
Intanto pubblichiamo qui una tra le più recenti creazioni amatoriali, che risponde al criterio televisivo dei 30 secondi, ma non è inedito e usa colonne sonore ben note. Questo video ne ha diverse, abbiamo scelto quella dei Linkin Park, con tutta la sua carica di tensione.


lunedì 26 novembre 2007

Rudy Giuliani on terrorism

Il candidato presidente Rudy Giuliani, ex sindaco di New York è intervenuto su temi delicati, come racconta il Baltimore Sun. Parlando di guerra, sicurezza e terrorismo, ha detto fra l'altro che non c'è niente di più irresponsabile dell'idea di abolire “gli interrogatori aggressivi – non c'è tortura, ma interrogatori aggressivi”. Infine si è detto “dispiaciuto che i Democratici non usino la frase terrorismo islamico. Il fatto dimostra che i Democratici non capiscono quanto siamo minacciati.”
Ma per capire meglio il pensiero di Giuliani, e la sua risposta ai vari problemi, vediamo un breve servizio:



P.S.
Mi dicono che se non si apre il video, non si capisce che questo è un post di satira. Pensavo che si capisse già dalla vera citazione di Giuliani...

domenica 25 novembre 2007

Grass-roots, il meraviglioso popolo in viaggio con Ron Paul.

Quando l'ideale unisce e ci commuove.


Incredibile.
È l’unica parola che mi viene in mente, mentre vedo lo zelo ed i sacrifici compiuti per la causa di un uomo che apre i cuori e le menti, che unisce in spirito genti tanto diverse tra loro. Uomini e donne con la pazienza, il desiderio o il talento di confrontarsi con un modo di pensare, con alcune proposte, che al primo impatto sembrano provenire da un mondo che non è il loro.
“Incredibile” è l'unica parola, a causa del mio italiano poco forbito ed imbastardito da vero (sigh) italiano all’estero. Sento come una strettoia nella mente che rallenta la ricerca di espressioni più efficaci.
Non parlo qui della vita e delle idee in cui milioni di persone si riconoscono, di Mosè e dei profeti, di Gesù e di Maometto, dei Gandhi e Luther King o altri. Parlo di Ron Paul.
Potrà far sorridere il mio approccio. E c’è gente che al solo sentire il nome di Ron parte col sarcasmo e gli punta il lanciafiamme, in rete e sui giornali. Lo fanno i grandi editorialisti ed i piccoli blogger come noi.
Ogni frammento insignificante viene setacciato per farla apparire una pietra dello scandalo. A maggior ragione tenterò di descrivere, attraverso le storie delle persone, perchè metto il nostro Ron in questa luce. Gli esempi sono tantissimi.

Comincio con qualche numero.
Siamo alla fine di novembre. Nel giro di sei o sette mesi, nel nome di Ron Paul si sono aggregati spontaneamente 1200 gruppi, per un totale (che cresce di ora in ora) di 75.000 persone. Soprattutto negli Usa, è ovvio, ma anche in altre ventisei nazioni. I gruppi più grandi sono ad Austin nel Texas e a Manhattan, con mille aderenti. Solo il guardare questa cartina, mette un brivido!

Amici di Ron Paul manifestano a Manhattan.


Si incontrano una o più volte alla settimana per discutere della vita e della politica, in tanti non l'avevano mai fatto prima. Poi si passa all'azione: ci sono da raccogliere tanti soldi, organizzare i meeting elettorali più grandi, ma soprattutto ci sono una miriade di piccole e splendide iniziative politiche, un letterale porta a porta, quasi sempre efficace perchè magari dopo una prima reazione, si legge in volto un entusiasmo diverso, non quello dei soliti militanti. Nasce un nuovo impegno politico, si spera di nuovo dopo l'apatia. Nascono nuove amicizie con i vicini del quartiere che a malapena si conoscevano. E' ciò che in tanti hanno chiamato (c'è anche un bellissimo video intitolato così!) la New Hope. A queste persone voglio dire: GRAZIE !

Carol Paul e un amico a Detroit. Famiglia, Chicago.



A chi ha dato ore ed ore, talento e sudore (elettronico e reale!) per creare strumenti di ogni tipo, video e audio, testi, merchandising e tanto altro che ritroviamo su YouTube, Technorati, Facebook, MySpace, e via a non finire: GRAZIE !


Dalle persone sono nate tantissime iniziative che si sono date un nome collettivo. Voglio descriverne una sola, ma veramente originale e fuori dagli schemi, tanto che appena messo sù questo blog ho voluto subito segnalarla tra i link principali.
Ci troviamo di fronte a tre simpatiche nonnine dell'America profonda che con audace ironia si sono ribattezzate “Granny Warriors”, nonnine guerriere. Dopodiché hanno acquistato un camper assolutamente gigantesco, da vere yankee lo hanno conciato per benino a stelle e strisce, lo hanno serigrafato di Ron Paul da cima a fondo, e così girano gli States.



Raggiungono i raduni paulisti disseminati per l'America e si fiondano verso i grandi eventi sportivi di richiamo, come le corse d'auto Nascar popolarissime in America. Non perdono occasione per mischiarsi alle grandi folle come testimonials del loro beniamino e spargono a più non posso volantini e merchandising. Dotate di un'energia quasi sovrumana, impressionano la gente con la passione e l'allegria del loro viaggio, che magari sognavano (un po' diverso!) da ragazze. GRAZIE, CON PROFONDO INCHINO alle nobili nonnette sprint!

Arriverò infine a ringraziare tre persone in particolare, che un poco stanno “facendo la storia”. Sul fare la storia, desidero fare una piccola digressione.
Quante persone, con le loro azioni sono passate e sempre passeranno inosservate ai più, eppure sono la storia. Quante persone hanno lavorato dietro le splendide costruzioni che noi ammiriamo. Quanti nomi “importanti” abbiamo imparato fin da bambini, che non sarebbero nessuno senza popoli valorosi al loro fianco. Quanti fatti e quante date abbiamo imparato a memoria: restano lì, immortalati nei libri. Ma i nomi di chi ha contribuito, un passo indietro, a quegli eventi è sempre brutalmente ignorato dalla storia. Ogni rivoluzione, ogni nuovo inizio si ricorda nei suoi tratti salienti e nel nome dei leaders. Ma sono tante, tante le persone che, mosse da esigenze condivise, fanno un evento, anche se non ci si ricorda più i loro nomi, ma loro sono il popolo, ci ricorda la Costituzione Americana. Anche oggi un popolo si muove con Ron Paul per una urgenza di cambiamento. Ha nel cuore vita, libertà e pursuit of happiness, ci ricorda la Dichiarazione d'Indipendenza . A queste esigenze del cuore partecipiamo anche noi, anche se visti nell'insieme dell'evento siamo solo semplici formichine che brulicano allegramente in rete!

Philadelphia, manifestazione.




Eccoli allora, i nostri tre moschettieri!

Michael Nystrom (nella foto con Ron).E' il fondatore di DailyPaul, il blog paulista americano per definizione. Centinaia di persone ogni giorno intervengono su Dailypaul in un clima di civiltà e di collaborazione incredibile. A Michael, esperto di economia e di moneta, uomo solare e generoso, GRAZIE DI CUORE.

Trevor Lyman. Ha felicemente riadattato per Ron lo slogan “Remember, Remember, the fifth of November” e lanciato per quella data l'iniziativa di “money bomb” entrata nel Guinness dei primati come la più grande raccolta fondi popolare mai avvenuta in un solo giorno: 4.3 milioni di dollari. I media dopo il successo lo indicavano come il braccio destro, lo stratega del marketing di Ron Paul. In realtà Trevor, almeno fino a quel giorno, non aveva mai contattato neanche lo staff di Ron. E' un semplice grassroot. Ora Trevor ha innescato altre due money bomb pronte ad esplodere festosamente. La prima, “Rudy’sReadingList”, in programma per il 30 novembre. La seconda, “TeaParty07”, prevista per il 16 dicembre, si ispira ad un episodio fondamentali dell'indipendenza americana. Tengo il fiato sospeso... GRAZIE PER QUESTI COLPI DI GENIO.

Lawrence Lepard. Ha sborsato 85.000 dollari di tasca propria per comprare un’intera pagina il 21 novembre su USA Today, il quotidiano popolare statunitense più venduto (quasi tre milioni di copie) e l’ha dedicata al nostro medico preferito. UN GRAZIE DI CUORE COMMOSSO.
Perchè commosso? Semplicemente, perchè, quando ho letto il testo della pubblicità ed ho visto quella grafica retrò, mi è quasi venuto da piangere, come ho pianto non molto tempo fa ascoltando alcuni degli innumerevoli interventi di Ron e ammirando la video-creatività di migliaia di persone che folgorate da lui si sono lanciate su YouTube.

Non so se capita anche ad alcuni di voi: è come se un'emozione trattenuta si sfogasse, quando ascolto Ron Paul e incontro il suo sguardo, il suo sorriso... Ho scoperto ieri che c’è tutto un forum su DailyPaul dedicato solo a questo: ci sono Marines e altri militari con anni di guerra alle spalle che confessano lacrimucce di gioia, casalinghe non disperate, nonnetti dell’età di Ron. E ragazzotti di 23 anni, che nella vita hanno visto ben poco (come me!) a cui capita la stessa cosa.
Eccolo, il piccolo mistero di Ron. Chi, tra i tanti leaders politici attuali, chi nel disincanto generale odierno, chi ha il carisma di suscitare non il fanatismo, ma sincere lacrime di gioia in persone tanto diverse tra loro?
Francesco

venerdì 23 novembre 2007

Il Potere gioca con la paura. Ron Paul risponde con il cuore.



Ron Paul interviene sugli ultimi attacchi ricevuti dai media di Murdoch, dove sono arrivati a definire i suoi sostenitori “gente che va a letto con gli islamofascisti”.
L'insulto arriva dall' intellettuale David Horowitz, noto per il suo razzismo verso i neri e gli arabi. Accanimento anche dallo showman Glenn Beck, fedele di Bush, noto per uscite del tipo "i cittadini musulmani devono provare che non sono ant-americani". Beck in una trasmissione di grande ascolto ha dato del “pazzo” a Ron Paul e lo ha sfottuto riguardo ad una frase in cui Paul definiva il suo lavoro di ostetrico un'importante esperienza nel salvare vite umane.

Traduciamo alcuni passi di Ron Paul da Prisonplanet:
“i tentativi di calunnia riflettono un establishment spaventato, insicuro, in preda al panico.
Chi associa i nostri sostentori alla violenza e al terrorismo islamico, non capisce cos'è la libertà, e sta perdendo il controllo.
Il potere è ammutolito perché la gente prende le distanze dall'autoritarismo e abbraccia la libertà. Si stanno spaventando da matti. Credo di sì, noi siamo una minaccia per il potere, e questi rappresentano il potere.
Rappresentano, penso, una posizione filosofica diametralmente opposta a noi e alla nostra interpretazione della Costituzione. Penso che sia una faccenda seria se qualcuno diventa così aggressivo e comincia a dare etichette di islamofascismo. Loro stanno lavorando sulla paura.”
Ron Paul cita poi Martin Luther King e Gandhi come modelli, capaci di cambiare il corso della storia impegnandosi nella disobbedienza civile non-violenta.
E conclude: “Io penso che siano persone molto insicure riguardo le loro convinzioni, e probabilmente nel profondo dei loro cuori, credono di essere dei buoni americani.”
Restiamo senza fiato per il raro, umanissimo esempio di civiltà nel rozzo scenario della politica mondiale.
Il tutto su Prison Planet, dove c'è anche un link audio dell'intervento di Paul e con estratti degli insulti.
http://prisonplanet.com/audio/211107paul.mp3
Thank you, Prison Planet.


Vite parallele: Australia

Si vota domani in Australia. I giornali riferiscono che i conservatori perderanno dopo 16 anni, per tre motivi principalmente: la partecipazione alla guerra infinita, (ancora un soldato ucciso in Afghanistan ieri) ritenuta foriera di pericoli in patria; l'aumento dei tassi che impedisce di pagare i mutui immobiliari; il calo del potere d'acquisto. La globalizzazione ci fa assomigliare tutti, questa dall'Australia più che una notizia è una conferma.
Il parallelo interessante con Ron Paul riguarda la svolta internettiana della campagna elettorale, che aumenta la trasparenza togliendo i filtri di giornali e tv, diminuisce i costi rovinosi tipici di ogni elezione e aumenta la partecipazione popolare, appena si sappia leggere, scrivere e aprire un pc.


Il primo ministro australiano Howard con Bush


Il Sole 24 Ore
Le elezioni australiane si giocano sulla Rete
di Barbara Pezzotti


Sui blog impazzano commenti, analisi e programmi politici. Laburisti in testa con il 55% nei sondaggi


Le elezioni australiane si giocano sulla Rete. Mai come prima partiti politici, gruppi di pressione, associazioni e comuni elettori si sono incontrati sul Web per dibattere temi caldi e fare propaganda in vista della battaglia elettorale che si terrà sabato prossimo e vedrà scontrarsi l'attuale primo ministro, il liberale John Howard, e il laburista Kevin Rudd. È stato un vero e proprio boom, quello di Internet, che ha coinvolto anche i giovani e i normalmente disinteressati alla politica, ampliando e vivacizzando un dibattito che altrimenti sarebbe risultato noioso e scontato.
Già prima dell'annuncio ufficiale della data delle elezioni (avvenuta sei settimane fa), website come MyElection.au, MySpace's Impact, Kevin07.com e Google's Election 2007 hanno aperto i battenti, promuovendo blog e infiammando la polemica sui programmi elettorali economici delle due compagini politiche, giudicati troppo simili. A tenere il banco sono stati soprattutto il tema ambientale e la guerra in Iraq (alla quale l'Australia partecipa, al fianco degli Usa con 850 truppe dislocate nell'area). "Noi stessi siamo rimasti sorpresi dall'enorme quantità di blog, commenti e analisi da parte degli elettori" ha commentato Rob Shilkin, capo della comunicazione corporate di Google Australia.You Tube, sempre posseduta da Google, ha giocato un ruolo di primo piano nella campagna digitale con gli stessi candidati che hanno deciso di utilizzare questo popolare sito per fare annunci in anteprima. Non sempre con risultati positivi, però.
Famosa, per il suo effetto boomerang, è stata la scelta di Howard, a metà luglio, di comunicare ai giovani surfisti del Web le sue idee e i suoi piani sul futuro ambientale del Paese. Il primo ministro, 68 anni, accusato di essere un politico della vecchia guardia, aveva cercato in questo modo di catturare la giovane audience della rivoluzione digitale. La valanga di commenti, per la maggior parte negativi e pesantemente ironici, hanno però costretto il primo ministro a ritirare il video da YouTube a tempi di record. Secondo gli ultimi sondaggi, i Laburisti dovrebbero vincere le elezioni con il 55% dei voti, contro il 45% ottenuto dai Liberali.


giovedì 22 novembre 2007

Federalismo sessuale

Usa, carta identita' senza sesso
Polemiche dopo decisione del comune di San Francisco


(ANSA) - NEW YORK, 21 NOV - A partire dall'agosto 2008 il comune di san Francisco comincera' a emettere carte di identita' senza indicazione di sesso. Foto, data di nascita, generalita' del titolare saranno presenti come sempre, ma manchera' la casellina che attualmente identifica l'appartenente come maschio o femmina. Inevitabili le proteste dei movimenti conservatori: per Sprigg del Family Research Council, le carte senza sesso ''incoraggiano l'idea che l'identita' di genere e' flessibile''.

***
Paradossi del federalismo:
il Congresso degli Stati Uniti ha varato le nuove Identity card a cui Ron Paul si oppone, che nel giro di qualche anno, con solo qualche centinaio di milioni di dollari per l'adeguamento, conterranno tutti i dati fisici, biologici, sanitari e fiscali del cittadino, permetteranno di localizzarlo e saranno tutt'uno con la sua carta di credito. Uno stato di polizia, ma anche di polizza, e di banca. La vittoriosa triplice alleanza del controllo sul cittadino.
Nel contempo, il gaio comune di San Francisco, noncurante delle decisioni centrali, si preoccupa di mantenere la privacy su qualcosa che dovrebbe essere ovvio a prima vista: l'identità (non dico l'orientamento!) sessuale.
Variano quindi le regole di approccio: non si chiederà più ad una ragazza "ciao come ti chiami" ma "sei una ragazza?". La risposta inevitabile: "ma a te che te ne importa?"


La campagna elettorale già si adegua

Hillary e Bill Clinton (fotomontaggio)



Rudy Giuliani (non è un fotomontaggio)

mercoledì 21 novembre 2007

Zogby: “Paul, strategia quasi perfetta”




L'analista rilascia in modo discutibile il sondaggio dei misteri, ma vede in Ron Paul la capacità di sfondare.


John Zogby.

Un comunicato-stampa di quattro stringati paragrafi, dopo tante indiscrezioni presenta l'ultimo (ma sono due...) sondaggio, quello con i soli “profili” dei candidati, Blind bio, lo chiama Zogby. Il comunicato è semplice: apre sottolineando la salda leadership di Giuliani, parla della significativa rimonta di Paul al 13%, (n.b.: un mese fa a darlo in double digit sarebbero sembrati pazzi) qualche dato tecnico, il campione di 393 (!) elettori repubblicani.
Alla fine, qausi fosse un dettaglio, i dati dell'altro test, quello che abbiamo già riportato: su 1009 elettori, -ma di tutti gli schieramenti- e che vede Ron Paul in testa. Si capisce meglio dall'originale che a raccontarlo qui a gesti.
http://www.zogby.com/news/ReadNews.dbm?ID=1391
Ma la novità più interessante è il commento a margine che per Zogby fa l'analista capo Fritz Wenzel: Paul ora è in una posizione molto buona, si sta muovendo coi tempi giusti mentre gli altri stanno fermi, -sostiene- e sta salendo definitivamente tra i “frontrunners”, i tre-quattro reali contendenti. (D'ora in poi “vietato” dire che tanto non ce la farà mai.) Strategia pressochè perfetta, continua l'analista, e anche se Paul non ha la nomination in tasca in questo momento, la partita è apertissima, gli incerti sul voto sono oltre il 20%, c'è grande insoddisfazione e voglia di politici diversi.
E secondo Wenzel, Paul sarebbe il candidato repubblicano più forte per sfondare nell'elettorato democratico.

lunedì 19 novembre 2007

Il sondaggio bomba c'è. Paul in testa ma Zogby non lo pubblica!

Svelato il mistero delle parole ufficiose del principe dei sondaggi.


Il giornalista Paul Joseph Watson racconta che la società proprietaria di Prisonplanet, il sito su cui scrive la vicenda, ha commissionato e pagato un regolare sondaggio alla Zogby, in cui sono stati sottoposti quattro profili di candidati repubblicani, ma senza farne il nome. I 1009 cittadini americani interpellati via telefono fisso, hanno dato il seguente responso:

candidato A (Ron Paul) 32,8 %
candidato B (Mitt Romney) 15,1 %
candidato C (Fred Thompson) 12,6 %
candidato D (Rudy Giuliani) 18,6 %
non sa 20,8 %


La società Zogby, a questo punto avrebbe preteso un ulteriore compenso per la pubblicazione dei risultati, da qui una controversia di cui i dettagli per ora non sappiamo.
Coincidenza vuole che pochi giorni fa, Zogby conoscendo i dati da lui stesso curati, intervistato da un famoso giornalista ha parlato “ufficiosamente” dell'exploit di Ron Paul.
Cerchiamo di essere obiettivi: anche questo sondaggio ha dei limiti, non cita tutti i candidati, adotta l'insolito metodo della lettura dei profili politici senza dire i nomi.
D'altra parte, la scelta è frutto della censura dei media sul nome di Ron Paul, che resta sconosciuto ai più tra gli intervistati, su linea fissa, e dichiaranti al 70% di non fare uso di internet.
Si è voluta fare l'inversione della prova: le istanze di Ron Paul hanno successo, configurano il candidato che la gente cerca e non trova: quando gli viene presentato il suo profilo, lo considerano il migliore. Il dato è limitato, ripetiamo, ad utenti di linea fissa, poco internettizzati. Figuriamoci che percentuale sarebbe venuta fuori includendo maggiore popolazione giovane e gli adulti online!
Il punto di sfondamento di Ron Paul è chiaro, palpabile: è il NO alla guerra. Negli Usa come in Italia, solo i media di regime tentano di nascondere che anche una larga parte dei repubblicani, e qui da noi del centrodestra, sono contrari, stanchi delle politiche di guerra nel mondo.
Lo rivela l'altro sondaggio di Prisonplanet, dove parla di 50% di GOP people anti-guerra, e lo scrisse della destra italiana, con insolito coraggio, Il Giornale già nel Febbraio scorso.
Diventa più chiaro l'affannoso esporsi contro Ron dei big neocons Podhoretz e Frum, diventa più chiaro l'allarme-Paul di Giuliano Ferrara già il 3 Novembre. Puntava il dito sull'abortismo di Giuliani, ma pensava alla guerra. Per quanto sia fondamentale l'aborto, questa partita si giocherà sulla guerra. La falla a destra è aperta.

domenica 18 novembre 2007

Europa per Ron Paul!


Il Tea Party sbarca in Europa!
Nella data in cui i sostenitori americani di Ron Paul cercheranno di superare il record, già loro, di contributi elettorali repubblicani in un solo giorno, ecco la prima manifestazione paulista europea: a Strasburgo il 16 Dicembre.
Grazie al vulcanico Fabio Bossi (che destino, questi italiani e oriundi all'estero!...) per il bel video (già tra i più visti oggi su Youtube) dove propone l'iniziativa e omaggia tutti noi europei per Ron Paul.
Un grazie anche a Daniel Lichtenberger, uno squisito americano in Europa, che fa parte dell'iniziativa e ci ha scritto.
Noi non ce la faremo, ma spero che qualche italiano possa andare a Strasburgo e raccontarci!

http://www.teaparty07.com/
http://europe4ronpaul.blogspot.com/

sintesi storica dell'evento del 16 Dicembre, all'inizio della Rivoluzione Americana
http://it.wikipedia.org/wiki/Boston_Tea_Party

sabato 17 novembre 2007

Ron Paul in due parole...

Il blogger Carlo Melina ha trovato due parole, non di più, per sostenere Ron Paul e le ha piazzate bene in vista.
http://carlomelina.wordpress.com/
Invidiamo la sua capacità di sintesi, però siamo più pazienti di lui. Possiamo aspettare anche otto anni.

venerdì 16 novembre 2007

Blondet per Ron Paul

Maurizio Blondet
Magistrale articolo di Maurizio Blondet su Ron Paul.
http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2412&parametro=esteri

E sempre su Effedieffe, oggi una documentata analisi sui reduci di guerra traditi e abbandonati. (dal governo, ovviamente).

http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2417&parametro=esteri

Piange il telefono

Perchè la primaria repubblicana porterà la rottamazione dei sondaggisti.


I primi sondaggi che parzialmente risentono dell'effetto 5 Novembre, e della maggiore esposizione di Ron Paul sui media, sono positivi. Se paragonati ai numeri rasente zero, peraltro inverosimili, dei mesi scorsi, il fatto di essere ormai stabilmente sopra il 5% su scala nazionale potrebbe sembrare già un buon segnale. Tuttavia ci sono ormai elementi chiari che mostrano l'assoluta inadeguatezza dei metodi di rilevamento, e quindi l'inattendibilità dei dati. Questo senza contare il segreto di Pulcinella per cui i numeri diffusi vengono spesso "adattati" per i migliori clienti.
Cosciente di questo, il signor Zogby in persona, titolare dell'omonima agenzia di rilevamento, la più “quotata”, insieme alla storica Gallup, ha reso una dichiarazione clamorosa e furbastra: sostiene che Ron Paul potrebbe avere in New Hampshire (uno dei primi stati chiave dove si vota, tradizionalmente considerato molto indicativo) dal 15 al 18% .
La dichiarazione è clamorosa perchè tre diversi sondaggi ora danno Ron Paul, comunque in crescita, all' 8% in New Hampshire. E' furbastra, perchè Zogby, che a Settembre sentenziava un mesto 3%, non ha pubblicato nulla di ufficiale, e parla del 15-18% come se fosse una sua personale sensazione. Io credo che un sondaggista serio, o pubblica, con tutti i crismi del caso, o sta zitto. Invece mr. Zogby, intervistato da Sean Hannity, un noto e faziosissimo giornalista delle reti di Murdoch, si mette al riparo per tempo, vedi mai, che un domani debba giustificarsi: “ma io l'avevo previsto...”. Sì, lui ne è convinto ora, ma intanto non l'ha certificato nero su bianco, e quindi la notizia-bomba diventa una mezza notizia.
Questo è un piccolo assaggio di come nelle stanze degli addetti ai lavori circolino dati che poi non si sognano nemmeno di dare in pasto al popolo. No, al popolo dobbiamo dare l'impressione che tanto Ron Paul non ce la può fare.
Dicevo dell'inadeguatezza dei metodi di rilevamento. Le interviste telefoniche sono fatte a cittadini (di solito non oltre 4-500) che hanno votato alle ultime primarie. Già questo è molto limitante: l'ultima primaria repubblicana fu due anni fa per il parziale rinnovo della Camera. Allora la base repubblicana era molto scontenta, l'affluenza fu bassa, e infatti vinsero i democratici. Se si tiene conto che Ron Paul sta mobilitando 1) un alto numero di nuovi iscritti assoluti ai registri elettorali repubblicani, 2) un alto numero di già-iscritti che non erano andati più a votare per delusione, 3) molti ex democratici che cambiano la loro registrazione, 4) molti elettori “indipendenti”, che in diversi stati possono votare (per uno solo dei due) partiti maggiori, è già chiaro quanto sono sballate per difetto le percentuali che vengono fuori da simili ricerche.
A questo si aggiunge la questione “telefono fisso”. Negli Usa, più che da noi, è ormai molto alto il numero di persone che, lasciata la rete fissa, possiede solo il cellulare. Non ho dati precisi, ma si parla di una percentuale notevole nelle persone under 50, anche famiglie stabilmente residenti. Se guardiamo poi agli elettori giovani, agli studenti, alle persone che abitano coi genitori, tutti dotati di cellulare e non di fisso, evidentemente questi non saranno mai raggiunti da un sondaggista! Guarda caso Ron Paul sta avendo un notevole successo nei suoi rally universitari, dove raduna ora 600, ora 1000 e più studenti in ogni città. Non voteranno certo tutti per lui, ma una ricerca seria non dovrebbe essere rappresentativa di tutte le fasce di età, professione, titolo di studio? Cosa ne è della popolazione dai 18 ai 26 anni?! C'è un video su Youtube, dove una brillante studente dall'Arizona, neutrale, affronta il tema, e pur non essendo una Paulista, dice più o meno così: “ nella mia università c'è pieno di attivisti per Paul, manifesti dappertutto, e questa gente è senza linea fissa...” E una giornalista a Seattle scrive: “ma ci rendiamo conto a che velocità impressionante Seattle si sta coprendo di segnaletica pro-Paul?” Un altro giornalista ancora: “ho seguito in auto un paio di tappe elettorali di Obama in Virginia, e vedevo sempre i sostenitori di Ron Paul...”. Ecco, abbiamo qualche testimonianza di quello che i sondaggisti non vedranno mai. Loro guardano un'esigua, obsoleta lista di elettori repubblicani. Loro vanno sul sicuro, e risparmiano anche! perchè chiamano la rete fissa. Però mi resta un dubbio: chissà a chi avrà telefonato Zogby?


Strumento per ricerche d'opinione. (Courtesy by Zogby)

lunedì 12 novembre 2007

Ron Paul incubo neocon.


Giuliano Ferrara e David Frum. Neocons transatlantici.


Dopo l'incasso record al V-day del 5 Novembre, per Ron Paul ecco gli interessi, sotto forma di un'attenzione politica mai ricevuta prima. I suoi rally su e giù per gli States sono seguiti dalle tv e le avventure dei paulunteers (così uno dei soprannomi dei volontari per Ron Paul) sono raccontate dal New York Times.
Specularmente, qualche conservatore in crisi di nervi accusa Paul di essere ora il beniamino della stampa progressista che vuole portare scompiglio nelle fila avversarie. E' il caso dell'American Daily, quando scrive che il Partito Repubblicano deve fermarlo, perché è un infiltrato che rovinerebbe il partito e falserebbe le primarie. A supporto della tesi il giornale va a spulciare l'elenco dei cittadini finanziatori, da cui si arguirebbe una più spiccata generosità in zone a maggioranza “liberal” e democratica.
Altri riprendono un'ipotesi non nuova: Paul potrebbe ancora correre per la presidenza come indipendente. Perchè? Anche se otterrà un discreto risultato alle primarie, sostengono, il vecchio medico sa fin da ora che non potrà spuntare la nomination repubblicana. Allora al momento giusto potrebbe lasciare per candidarsi come terzo incomodo.
In realtà una simile strategia non ha granché senso: ha contro la storia politica americana e la consolidata tendenza al voto bipolare. Già Ron Paul partecipò da libertario nel 1988, cosciente di correre per pura testimonianza. Un terzo candidato per essere determinante dovrebbe muoversi in uno scenario di discreto equilibrio tra i due partiti maggiori, e in ogni caso la lettura che si può dare di una candidatura “indipendente” tende al tatticismo se non al mercanteggio vero e proprio. Non sembra affatto uno scenario consono alla figura di Ron Paul, e lui stesso negli ultimi giorni ha continuamente smentito l'ipotesi.
Dell'ipotesi terzista si danno due versioni, di cui la prima appare più logica e intuibile: un Paul indipendente sottrarrebbe quel tanto di voti conservatori sufficienti ad aprire le porte della Casa Bianca ai democratici. L'idea, avanzata in area repubblicana, in realtà sembra tirata fuori apposta per ricordare ancora una volta l'estraneità e la dannosità di Ron Paul, e richiamare l'elettore al voto “utile”, specie se dato ai preferiti Romney o Giuliani.
L'altra variante, più eccentrica, vede nella candidatura terzista un esito opposto: Ron Paul, grazie al suo messaggio anti-guerra, sposta verso di sé l'elettorato di sinistra, facendo perdere il favorito democratico e vincere il repubblicano.
Va ricordato che la Clinton e altri parlamentari democratici votarono la guerra all'Iraq e ora non vogliono ritirare le truppe. Questo certo è fonte di scontento nell'elettorato di sinistra, che in qualche misura troverà un candidato accettabile in Ron Paul. Ma i suoi principi etici ed economici, distanti dalla tradizione democratica, sono destinati a far breccia tra i repubblicani, sconcertati dall'incapacità dell'attuale dirigenza, dal deficit pubblico, dal costo enorme, in denaro e vite umane, di guerre inconcludenti che pure avevano inizialmente appoggiato.
Proprio conoscendo questa reale possibilità, qualcuno s'inventa la storia del Paul terzo incomodo che provocherebbe la sconfitta di Hillary. Stupisce il livello dei personaggi che si espongono abbozzando una simile tesi: si tratta di David Frum e di John Podhoretz, esponenti di rilievo della cerchia neocons, gli ideatori della guerra infinita e dello scontro di civiltà. I neocons, uomini di pensiero e di azione, attivi nei centri studi lautamente finanziati e nei giornali come alla Casa Bianca e nei ministeri, nell'era Bush hanno condizionato l'opinione pubblica sui temi della sicurezza e del terrorismo, e di fatto governato l'America. David Frum, già estensore dei discorsi di G.W. Bush, (inventò lui l'espressione “asse del male”) da pochi giorni è responsabile della politica estera per Rudoph Giuliani. Anche Frum sostiene che Ron Paul non c'entra niente coi repubblicani, che ne uscirà, e che sarà l'arma giusta contro la sinistra, tanto da far vincere il suo assistito Giuliani. Per essere sicuro che Ron faccia davvero il lavoro sporco contro Hillary, Frum pensa bene di consigliarlo e gli dice: concentrati sul messaggio anti-guerra, che è quello che ti porta più consenso, e lascia perdere il resto. Forse qui il neocon tradisce l'abitudine di impartire le istruzioni a Bush. Podhoretz con grande sicurezza afferma che i sostenitori di Ron Paul non sono repubblicani, ma sono gli stessi che hanno votato e finanziato nel 2000 il verde Ralph Nader, (terzo incomodo che fece perdere Gore contro Bush) e nel 2003 il democratico anti-guerra Howard Dean, che ebbe un momento di forza nelle primarie poi vinte da Kerry. Ovviamente le reazioni dei paulisti sono arrivate: affermano di non aver mai visto tra loro simpatizzanti di Nader (più facilmente collocabili nell'ala sinistra dei democratici) e testimoniano in prima persona la loro condizione di repubblicani delusi, che dopo anni tornano ad una militanza appassionata. Ugualmente trascinati da Ron Paul, in molti raccontano di occuparsi di politica per la prima volta in assoluto.
Allora cosa significa realmente il venire allo scoperto di personaggi così influenti? Che temono Ron Paul assai più di quanto i sondaggi e l'informazione addomesticata fanno trapelare.
Infatti si preoccupano di ricordare per tempo agli elettori repubblicani che Paul non è dei “loro”.
Non ricordano invece, i signori neocons, che da anni è Giuliani quello che viene definito un “democratico in abiti repubblicani”. Tentano di far credere che se uno è contro la guerra, per forza è di sinistra. Si inventano inesistenti affinità “verdi”. Insomma, tentano di togliersi Ron Paul dalle palle. Vogliono sventare la sua minaccia sul risultato delle primarie. Non ci proverebbero così grossolanamente, se lo considerassero senza chances di vittoria!
Dimenticano invece che Paul è un sostenitore della morale tradizionale e pro-life, tipica del cattolicesimo e della variegata e ricca destra protestante, già corteggiata da Bush e decisiva nelle sue vittorie. Guarda caso tacciono le incongruenze in materia di Romney, e soprattutto di Giuliani, noto sostenitore dell'aborto e dei matrimoni gay.
Tutte cose ricordate invece dal piccolo zelante ripetitore italiano del pensiero neocon, il quotidiano Il Foglio, che aveva dato l'allarme e titolato così il 3 Novembre: “No a tutto tranne che alla vita: Ron Paul crea un guaio ai repubblicani”. Il giornale diretto da Giuliano Ferrara, che traduce anche interventi dello stesso Frum, certo non ha pubblicato il pezzo senza un giro di telefonate agli amici oltre atlantico. Ma prima che Frum e soci, costretti dal trionfo di Paul il 5 Novembre, divulgassero la tesi diversiva, ha svelato un po' precipitosamente il vero incubo dell'establishment repubblicano: i neocon temono che Paul accumuli non i voti di sinistra, bensì quelli repubblicani, come dice il titolo del Foglio, per il suo “sì alla vita” che risulta un “guaio” nel partito a vasta base cristiana, e che tuttavia si ritrova nell'abortista Giuliani il candidato della nomenklatura. Povero Foglio, che tanto si sforza di adattare la dottrina neocon per farla digerire ai cattolici italiani. Come farà ora il direttore Ferrara a spiegarglielo, che Giuliani è il migliore dei presidenti possibili?

giovedì 8 novembre 2007

Comunisti per Ron Paul ...?

...meglio di no, sarà per la prossima volta!

Tra le prime attenzioni italiane per Ron Paul, spicca l'articolo (che riportiamo sotto integralmente) di Liberazione, quotidiano di Rifondazione Comunista, forse il più grande partito comunista rimasto in occidente. Il pezzo sottolinea l'originalità del candidato, la sua coerenza, la sua distanza da una politica che va a cena coi miliardari, la sua base popolare e giovanile, il suo essere aperturista sulle droghe leggere, e soprattutto contro la guerra.
Mi spingo a leggere tra le righe, non me ne voglia il bravo articolista, una simpatia trattenuta, quasi pensasse: eh sì, è un bel tipo questo Ron Paul, ma diamine, è pur sempre di destra, vuole praticamente abolire lo Stato, è antiabortista...Siamo pur sempre comunisti!..E dire che non troviamo neanche lo straccio di un candidato democratico decente. Peccato! Sarà per la prossima volta.
Chiudo la bonaria insinuazione, e passo ad una provocazione più convinta: si rendono conto i nostri amici comunisti (chissà mai se qualcuno ci legge...) che se da un lato il loro “comunismo” oggi non è altro che una forma di socialdemocrazia (difesa del welfare, dei salari, più intervento pubblico in economia) dall'altro è un libertarismo duro e puro: infatti criticare Ron Paul sull'aborto, essere pro-choice, è un frutto dell'individualismo -si può dire? selvaggio, come certo capitalismo- che a dire il vero la sinistra ha adottato a partire dal '68. I libertari doc rimproverano a Paul di non essere veramente dei loro per le posizioni pro-life. Anche il favore della sinistra alla liberalizzazione delle droghe viene dal libertarismo individuale. Chissà, amici di Rifondazione, se avete mai pensato al fatto che la cosiddetta libera scelta in materia di vita, e, aggiungo, una certa idea di liberazione della donna, vi accomunano al punto di vista che circola in quei salotti buoni, a quelle cene miliardarie, dove né Ron Paul, né voi, si sognano di invitare?


Fausto Bertinotti, leader comunista italiano.




Liberazione, 7 Novembre 2007

Deputato texano nei sondaggi scompare, ma raccoglie fondi e spopola su internet
L'outsider Ron Paul, ultrà liberale e anti guerra che sogna di fare il presidente per i repubblicani


di Martino Mazzonis


Non ha mai sostenuto la guerra, odia Washington e i suoi corridoi e a Capitol Hill è soprannominato "Dr. No". I sondaggisti nemmeno lo prendono in considerazione, è come Dennis Kuchnich, il candidato democratico della sinistra, se ne parla ma non pesa. Con una differenza clamorosa, il deputato del Texas e candidato presidente per il Grand Old Party raccoglie dollari a palate.L'ultimo colpo lo ha messo a segno nella giornata del 5, il giorno di Guy Fawkes, il cattolico che nel 1605 complottò per far saltare la House of parliament di Londra - finendo preso e condannato morte. La brillante idea dello staff del libertario di destra era quella di paragonarsi al cospiratore che vuole distruggere il palazzo, famoso tra i giovani statunitensi perché il personaggio del fumetto (e del film) "V per vendetta" si traveste appunto come l'attentatore del '600. E allora nell'anniversario della notte delle polveri, il sito dedicato ha raggranellato la bellezza di 4 milioni e 300mila dollari in 24 ore. Fino ad oggi aveva messo insieme più o meno la stessa cifra. Anche quella era una sorpresa, ma ci erano voluti diversi mesi.Certo, se guardiamo agli altri concorrenti repubblicani, il deputato del Texas è solo quarto per fondi accumulati. Ma i suoi non vengono dai grandi donatori, dalle cene miliardarie: sono tutte piccole donazioni on-line. Anche il suo sito, la sua pagina di myspace (il sito di social-networking più popolare della rete) sono tra i più visitati, la sua base è una base vera e crede nel suo candidato minore. Uno dei video politici di Youtube , un'altra misura del successo personale di un candidato, è quello della RonPaulGirl che si spoglia fino a mostrare una canottiera con la scritta "RonPaul2008, Speranza per l'America".Cosa pensa il fenomeno mediatico Ron Paul? Chi è politicamente questo ex ostetrico di Houston? Dopo aver scoperta quanto era riuscito a raccogliere ha spiegato che «Il messaggio è molto forte e evidenzia il grado di frustrazione del Paese. La gente è stanca di ciò che le viene offerto - ha detto al network Msnbc - Non gli piace la guerra, non gli piace come va l'economia e nemmeno le risposte che stiamo dando». Magro e con il sorriso beffardo, Paul sente di essere in sintonia con l'America quella vera e racconta di aver visto crescere la sua base militante senza aver organizzato nulla: «Loro hanno trovato me e io loro. La mia non è una campagna diretta dal vertice» ha raccontato alla Abc. E in effetti il suo fundraiser, una figura cruciale in qualsiasi campagna elettorale americana che si rispetti, ha solo 24 anni e si è aggregato allo staff solo in agosto, quando ha finito la prestigiosa università di Princeton.Opposizione alla guerra e drastico ridimensionamento del big governement - che da noi significa ridimensionamento drastico dell'intervento pubblico in tutte le sue forme - e posizioni anti abortiste sono gli ingredienti di una ricetta che funziona, almeno tra i giovani che passano ore davanti al computer.Il suo successo tra questo segmento di potenziali elettori è dovuto alle posizioni contro la guerra. E' l'unico del drappello repubblicano a dire cose nette, a dirle dal 2003 e a dirle in pubblico. Un certo fascino lo devono avere anche le posizioni ultra liberali. Se fosse presidente, Paul manderebbe a casa i burocrati del Wto e getterebbe alle ortiche tutti i trattati commerciali internazionali, uscirebbe dalla Nato e dall'Onu, abolirebbe la protezione civile, taglierebbe le spese e la smetterebbe con la guerra alla droga perché costa troppo. Difficile che uno così vinca qualcosa più di un seggio alla Camera, ma la pattuglia repubblicana è talmente poco entusiasmante che uno che si muove fuori dalle righe, che vuole tornare al vero spirito repubblicano, merita attenzione. Ma quando il gioco si fa duro, i voti veri vanno ai candidati forti. La politica americana del terzo incomodo non paga. Chiedete a Ross Perot e a Ralph Nader.

5 Novembre ? No comment...


Il 5 novembre ha avuto un esito spettacolare.

Quasi come castigo dunque, come dice giustamente Andrea, dopo esserci lamentati della carenza di articoli nei media su Ron Paul, eccoci stravolti da una valanga di articoli che riusciamo neanche a contemplare appieno, figuriamoci leggere.

Dato che gli articoli sono dovuti in gran parte all'iniziativa del 5 novembre, eccovi dunque ancora qualche grafico da capogiro che non necessita ulteriori commenti...





Totali giornalieri per le ultime 6 settimane in $




Totali giornalieri di questa settimana rispetto a settimana scorsa in migliaia di $





Totale del 5 novembre in migliaia di $







Francesco

E' di Ron Paul il sito politico più visto al mondo

Io e Francesco non abbiamo occhi (e tempo!) abbastanza per leggere e riferire tutto quello che i media stanno dicendo su Ron Paul dopo l'exploit del 5 Novembre. La Stampa è il primo grande giornale nazionale italiano che grazie all' evento ha scritto una breve e corretta sintesi della giornata e della storia di Ron Paul. Per ora spazio ai grafici, per un nuovo sensazionale dato: il sito ufficiale RonPaul2008.com è il sito politico più visitato al mondo, secondo l'istituto specializzato Alexa. Gli altri, Hillary compresa, praticamente non riescono neanche a entrare nel grafico.



Posizione in classifica assoluta tra i tutti i siti del mondo.
Dato Alexa.




L'impennata di visualizzazioni il 5 Novembre.


Paragone tra la ricerca di "Ron Paul" (azzurro) e "Hillary Clinton" (rosso) su Google.






L'improvvisa impennata della ricerca di "Ron Paul" su Google in Inghilterra.

Google ci informa che in Italia non c'è volume di ricerca sufficiente per produrre un grafico. Restiamo in fiduciosa attesa.

martedì 6 novembre 2007

Ron Paul Is Money!





Ron Paul Is Money
Republican Raises Stunning $4.3 Million Online in 24 Hours


http://www.abcnews.go.com/Politics/Vote2008/story?id=3822989&page=1


Trionfale.

lunedì 5 novembre 2007

Ron Paul al MIT


Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston, oggi.


Alcuni studenti sostenitori di Ron Paul hanno compiuto questo gesto, in una delle università più famose del mondo, per manifestare la loro protesta contro il crescente stato di polizia negli USA.


fonte: Dailypaul

Una giornata storica per Ron Paul? Il Wall Street Journal ne parla per primo.


Notizie flash su questa giornata eccezionale di raccolta fondi. Alle 10,30 del mattino, ora dell'est (7,30 in California) il dato parziale della giornata è un milione 200 mila dollari. Il Wall Street Journal online, primo tra i big media, dà uno spazio all'evento e riferisce che i supporters di Ron Paul confidano di entrare nella storia delle campagne elettorali. Articolo rispettoso. Il Los Angeles Times, il più letto in California, racconta la disillusione dei simpatizzanti repubblicani, che dopo la deludente esperienza di Bush, non sanno a che santo votarsi. Indovinate quale candidato non è citato nell'articolo...

Aggiornamento, ore 18.50

Attorno alle 13.30, ora dell'est, il money bomb ha avuto un'impennata pazzesca e ha toccato quota 5 milioni!
Innanzitutto, grazie a tutti i cittadini americani che hanno atteso il 5 Novembre per donare i loro risparmi, si può dire che Ron Paul in soli 35 giorni (ma la giornata non è finita...!) ha raccolto 5 milioni, la stessa cifra dei tre mesi precedenti, che pareva già eccezionale, e gli aveva permesso per la prima volta grande spazio sulle principali televisioni.
La “verticale” dei grafici è impressionante e spettacolare, si può vedere qui e qui. E' anche interessante osservare con quanta professionalità e trasparenza viene monitorata una campagna elettorale. Ma ce lo immaginiamo in Italia? Fantascienza...
Secondo, e importante: la cifra più alta raccolta in un giorno, è 3 milioni, record ottenuto nel 2004 da John Kerry, lo sfidante democratico di Bush. Un paragone da brivido, se verrà superato...
Domani si tireranno, letteralmente, le somme. Il risultato è importante anche ai fini del trattamento riservato nei dibattiti. Infatti, per stare nella testa di serie dei candidati in tv, e avere più tempo per parlare, i soldi raccolti contano. Come diceva Humprey Bogart? E' la stampa, bellezza!...
Aggiornamento ore 24.00
Anche se i commenti sono maliziosi, l'evento comincia a passare in tv!
CNN: "Ron Paul's fund-raising surprise"
Colpiti!
Anche i più importanti quotidiani d'America ne devono parlare.
New York Times
"Guy Fawkes Day Helps Raise Millions for Paul"
Washington Post, prima pagina
"Ron Paul's Record Online Haul"

venerdì 2 novembre 2007

Il 5 Novembre



E` l'ora.

E`l'ora per la campagna di Ron Paul di emergere definitivamente dalla zona grigia nella quale sembra intrappolata: tra fiction e realtà.
Sembra fiction, talmente è fresca, onesta e quasi surreale la politica che propone, è realta`il successo su Internet e nelle donazioni; fiction pare la vittoria in quasi tutti le feste di partito e nel televoto post-dibattito, realtà sono i risultati scarsi nei sondaggi nazionali; fiction gli attacchi alla persona di Ron Paul e al suo movimento da parte di alcuni soggetti, realta`le decine di migliaia di persone in tutto il mondo che ogni settimana si incontrano per discutere di lui e agire autonomamente in suo appoggio.
Il 5 Novembre e` il giorno in cui la frizione tra fiction e realta` potrebbe, anzi, dovrebbe, sparire.
Il 5 Novembre e` stato ribattezzato per l'occasione giornata di "money bomb", ovvero giornata da valanga di donazioni. L'iniziativa, frutto del pensiero di un paulista e non dello staff ufficiale, e` di far sì che 100.000 persone versino 100 dollari, da arrivare al grande totale di 10 milioni, permettendo a Ron Paul di entrare nella storia (e sicuramente nel Guinness dei Primati!) per la donazione politica piu` sostanziosa mai versata in un solo giorno. Per il momento, mattina del giorno 2, siamo a 15.500 preannunci di versamento in data 5 Novembre (il sito e` stato visitato piu`di 200.000 volte), e le persone crescono di circa 1.000 al giorno. Mancano solo 3 giorni, arrivare a centomila dunque è impossibile? Non ne sarei tanto sicuro. Prima di tutto, come in qualsiasi altra iniziativa, la gente si muove all'ultimo minuto. Mi aspetterei quindi almeno ancora 5-10.000 sottoscrizioni. Secondo, ci sono gia` state casi di money bomb, pero`a colpi di 25 dollari a persona. Fu un grande successo perche` nonostante solo poche migliaia di donatori, vennero raccolti piu` di 150.000 dollari. Questa lascia pensare che lo stesso meccanismo determinera` il successo del 5 Novembre: intanto chi promette di donare spesso dà più del pattuito, e poi c'e` tantissima gente che sa dell'iniziativa, dara` un'occhiata alle cifre, e se la giornata parte bene, si lasceranno entusiasmare e si fionderanno pure loro nella gara per sostenere Ron Paul.

Direi che comunque un altro fattore, più di ogni altro, siglera` il successo della giornata: l'irrazionalita` dell'uomo. Molta gente non avra`voluto fare nessuna dichiarazione in anticipo, ma contribuira` lo stesso. Soprattutto, ci saranno tantissimi curiosi (sicuramente anche tra i 200.000 e più che hanno visitato il sito) che terranno d'occhio gli innumerevoli grafici del sito, sia quello ufficiale che i tanti non ufficiali, e appena vedranno i dati impennarsi, ci sara` una corsa frenetica a versare. E` qui che comincia la magia. Sono convinto del fatto che ogni individuo voglia far sì che qualche suo contributo resti e sia significativo, su questa terra. Vogliamo che qualcuno si ricordi di noi nel tempo, e vogliamo sapere di aver fatto la cosa giusta in un momento importante. Ed e` questa specie di istinto primitivo, di corrente profonda ma possente nei nostri pensieri che farà di questa giornata un grande successo. Prevedo un tsunami di donazioni perche` tutti vogliono partecipare, anche da anonimi, a tracciare il bene nella storia.
Chi di voi rinuncerebbe a far parte della storia del mondo, della storia dell'uomo, della storia politica, della storia degli Stati Uniti, se le enormi fatiche che bisogna sostenere sono solo alcuni minuti su Internet per effettuare un trasferimento bancario?
Altro che il sudore ed il sangue dei rivoluzionari nei secoli.


Francesco

giovedì 1 novembre 2007

Ron Paul stroncato just in TIME

Time Warner Cnn. Sede, New York.


E' arrivato Time. Il prestigioso, il più letto, quello che dà le copertine come titoli di baronetto, nella democratica America. Oggi la copertina online, più effimera di quella cartacea, tocca a Ron Paul. Nessuna illusione però: l'organo del colossale gruppo Time-Warner-Cnn non consacra, stronca. Sì, ammette, il fenomeno esiste, non è uno scherzo, quindi ne parliamo. Ma non vorrete mica prenderlo sul serio? Ron Paul raduna folle di universitari nello Iowa? “Sono nerds” quei secchioni un po' sfigati, che solo loro possono fare domande astruse sulla Banca Centrale...Ma che importa ai lettori (e agli editori) di Time della Banca Centrale? “L'essere nerd conferisce al semplice messaggio di Paul un'aura di credibilità”. Ron Paul “ha un sorriso a mascella caduta che non si vede facilmente, a parte i bambini di cinque anni e i Muppets”. E ancora: “Mette l'autografo sulla Costituzione come Tommy Lee firma i seni delle ammiratrici”, “Il suo messaggio può attirare solo seguaci simpaticamente bizzarri. C'è gente che crede che l'11 Settembre sia stato un complotto interno. E questi sono anche anarchici, organizzano eventi per il 5 Novembre” (il giorno della congiura delle polveri, e dell'eroe del fumetto e del film V for Vendetta, il cui V-logo è stato portato in Italia dagli organizzatori del V-day).
Infine, arriva il funzionario di partito con un fegato così: “a questa gente piace Ron Paul solo perchè gli sembra il candidato più anti-establishment, il più divertente da guardare durante i dibattiti alla Camera, e poi dire “Ehi, Washington, ma vaffan...”
L'articolo si chiude senza neanche un cenno all'Iraq. Time è l'establishment, non può dar voce all'unico candidato contro le guerre americane, neanche per sfotterlo. Per oggi abbiamo scherzato abbastanza, il servizio è finito. Nella slide a fianco, Mikhail Gorbachev è il testimonial delle borse Louis Vuitton. Lui sì che è uno statista.



Mikhail Gorbachev per Luis Vuitton.

Se Tom Cruise vuole l'autografo di Ron Paul...

Ron Paul saluta i Sex Pistols.

Al popolare Tonight Show è accaduto quello che nessun fan paulista avrebbe osato foto-audio-montare: Tom Cruise va in camerino da Ron Paul. I Sex Pistols cantano in tv davanti a lui, che alla fine stringe la mano a John Lydon.
Jay Leno, presentando la canzone anarchy in UK, dice a Ron: “è perfetta per te!”. Leno si era già prodotto nella super-battutona della serata, definendo (il medico) Paul come l'unico politico che abbia fatto spogliare più donne di Bill Clinton...
Tom Cruise nei camerini ringrazia Ron Paul per un'altra delle sue battaglie parlamentari, quella contro la schedatura psichiatrica dei bambini nelle scuole. Pare che Ron si sia girato verso un assistente, chiedendo: "che film ha fatto questo?"