lunedì 21 aprile 2008

Paulisti e papi: senza cena.

Il blog dell'autorevole Lew Rockwell, storico collaboratore di Ron Paul, ci dice la sua sul viaggio di Benedetto XVI negli Stati Uniti attraverso un dettaglio forse più importante di quel che sembra: il papa non ha partecipato alla cena indetta in suo onore alla Casa Bianca. (nei link una gustosa ricostruzione).

Scrive lapidario Rockwell:
"Eroico.
Il Papa evita una cena di Bush in suo onore. Vedremo Benedetto XVI parlare con Bush, ma non assisteremo ad un evento di PR della Casa Bianca organizzato dal guerrafondaio-in-capo."
Ecco poi la traduzione dell'arguto passo di un altro commentatore sempre sul sito di Rockwell:
(...) "Parlando di santi: Papa Benedetto è negli Stati Uniti questa settimana, e non sembra disponibile a canonizzare George W. Bush, almeno subito. Infatti, Benedetto non parteciperà nemmeno alla cena di Stato che si tiene in suo onore alla Casa Bianca. Benedetto farà la sua parte nel combattere le forze del male, dicendo che non dobbiamo avere paura. Benedetto dirà anche, ancora una volta, che la religione non deve essere usata per incitare alla violenza. I grandi intellettuali neocon diranno che Benedetto si erge contro l'islamofascismo e Ahmadinejad in Iran (...)
Il più grande ostacolo per simili guerrafondai è uno come il Papa, il cui patriottismo inizia e termina con il Regno di Dio, e il cui messaggio è indirizzato, non meno che ad altri, alle nazioni occidentali che cercano di imporre la "democrazia" (una falsa religione) agli altri, attraverso la violenza. "




"...devo scappare, stasera proprio non posso..."

La vicenda della cena forse è sfuggita ai più, ma sicuramente non alle diplomazie che decifrano i particolari in vista di strategie impensabili.
Ma un coperto tolto dalla tavola all'ultimo minuto in fondo è poca cosa: come dimenticare Condoleeza Rice, che in Vaticano non ha potuto prendere nemmeno un tramezzino in piedi? Infatti, sul finire dell'estate scorsa, forse presa da un momentaneo e particolare slancio verso l'Iran, chiese insistentemente di essere ricevuta da Benedetto XVI, per parlargliene: si sentì rispondere "il papa è in ferie". (A Castel Gandolfo).


(post dedicato a l.w. autore della celeberrima rubrica "umorismo vaticano")

6 commenti:

L'agliuto ha detto...

E il cespuglio andò a letto senza cena.
Ma aveva bevuto tanto che se la fece sotto,
anziché dietro, e ciò è abbastanza incongruo, per un cespuglio.
Caro Andrea, riesci a dare conforto anche a chi c'è rimasto un po' male, per questa visita papalina.
Ciao. Ipo

Francesco ("maranelloboy") ha detto...

Forza Ratzinger !

Alla prossima sua visita dovremmo fornigli, con il logo Italians4RonPaul sul pacchetto ovviamente, un abbondante quantita` di adesivi Ron Paul da incollare ovunque durante la sua visita .... o una maglietta Ron Paul sotto le vesti papali da strapparsi di dosso durante un momento opportuno ;)

Francesco Marelli

Anonimo ha detto...

Francesco, mi superi nel mio arci-noto clericalismo! :-)
Adesso che è fuori (?) competizione, potremmo organizzare un bel viaggetto di Ron in Vaticano. Cena compresa nel prezzo!

Andrea

Francesco Rossi ha detto...

RP in Vaticano...
Idea mitica!
FRA

BREDA ha detto...

Eccezzionale idea!!! Una visita di Ron in Italia...sarebbe fantastico!!!

www.noinatimale.it

BREDA

Anonimo ha detto...

la notizia della rinuncia della cena da parte del papa l ho sentita solo da voi , grazie e complimenti